A cosa serve la nutrizione ai giovani atleti?

//A cosa serve la nutrizione ai giovani atleti?

A cosa serve la nutrizione ai giovani atleti?

I giovani atleti hanno richieste nutrizionali particolari, che oltre a soddisfare le necessità metaboliche correlate agli allenamenti e alle gare, devono anche assistere la crescita e permettere uno sviluppo ottimale.

Eppure nella stragrande maggioranza dei casi l’alimentazione dello sportivo è presa con leggerezza o addirittura nemmeno è considerata.

Devi sapere che in relazione all’età e all’impegno fisico giornaliero l’alimentazione corretta fornisce ai giovani atleti quantità idonee di energia, nutrienti e acqua, attraverso la giusta distribuzione dei pasti.

È bene che i ragazzi vengano sottoposti ad un’attenta analisi delle proprie abitudini alimentari per valutare eventuali carenze o eccessi nutrizionali.

Ti sembra esagerato? Non direi!

Ti spiego perché. In età evolutiva le carenze nutrizionali si ripercuotono non solo sulla prestazione sportiva (manifestandosi con stanchezza, ridotta forza fisica, difficoltà a recuperare tra gli allenamenti, maggiore possibilità di infortuni), ma anche e sopratutto sulla crescita e sullo sviluppo armonico dei giovani.

Basti pensare alle proteine, il cui fabbisogno è maggiore nei primi anni di vita per la formazione di nuovi tessuti; oppure le vitamine, essenziali per tantissime funzioni del nostro organismo, la cui necessità varia al variare dell’età.

Per non parlare poi del ferro e del calcio, i due minerali che più frequentemente sono a rischio di carenza nei bambini e negli adolescenti e che inflenzano la prestazione fisica e lo stato di salute, particolarmente nelle atlete.

I giovani che imparano a mangiare correttamente traggono grandi vantaggi in termini di prestazioni sportive, ma soprattutto si sentono molto meglio e sono più produttivi a scuola. Essi saranno in futuro degli adulti sani!

Serve dunque una crescente consapevolezza della straordinaria importanza della nutrizione da parte delle famiglie, dei giovani atleti, della scuola e delle associazioni sportive.

Inoltre, è fondamentale dare ampio spazio all’educazione alimentare attraverso il coinvolgimento di più figure professionali: pediatra, nutrizionista sportivo, allenatore e preparatore atletico.

2018-12-13T14:58:14+00:00

About the Author:

error: