_Chi-Sono-francesco-cagnazzo-nutrizionista-spoleto-terni-perugia

Francesco Cagnazzo

Dottore in Scienze dell'Alimentazione

e Nutrizione Umana

Chi sono

Sono nato il 6 Febbraio del 1979.

Ho conseguito la prima laurea (facoltà di Farmacia, Università di Perugia) con pieni voti (110/110 con lode) discutendo una tesi riguardante la neuroendocrinologia e la neurofarmacologia dell’obesità.

Durante il mio percorso professionale come farmacista ho avuto modo di accrescere le mie capacità di ascolto e di comunicazione interpersonale, oltre a sviluppare un forte interesse per la nutrizione applicata al benessere e per la medicina preventiva, assumendo la consapevolezza dell’importanza del corretto stile di vita come vero e proprio farmaco.

La passione per la biochimica della nutrizione insieme al desiderio di creare un approccio personalizzato ed integrato con il mio interlocutore, mi hanno spinto a migliorare la mia formazione in campo dietologico. Mi sono iscritto dunque alla facoltà di Medicina e Chirurgia a Perugia dove, dopo aver approfondito materie quali fisiologia della nutrizione, biochimica clinica della nutrizione, scienze e tecniche dietetiche applicate, medicina interna, gastroenterologia, endocrinologia, nefrologia, oncologia medica, ho conseguito la laurea Magistrale in Scienze dell’alimentazione e della Nutrizione Umana con pieni voti (110/110 con lode).

Mi sono perfezionato successivamente in integrazione funzionale anti-aging presso alcune cliniche in Florida (USA). Dal 2006 esercito l’attività di nutrizionista, dopo aver conseguito l’abilitazione ed essermi iscritto all’Ordine dei Biologi sez. A, numero 02572.

Svolgo la libera professione presso i miei studi di nutrizione e dimagrimento a Spoleto, Perugia e Terni. Oltre alla attività professionale in studio sono collaboratore giornalistico, formatore e relatore in convegni e seminari.

E’ mio obiettivo, infatti, divulgare i principi di un sano stile di vita, di una sana alimentazione e di una nutrizione basata su prove di evidenza scientifica, poiché troppo spesso questo campo si presta a credenze e ad esperienze personali piuttosto che a fatti.